Vespa GTS

Vespa GTS

La Vespa GTS è la versione restyling della moderna Granturismo che prima ha affiancato e poi sostituito. Ha debuttato sul mercato nel mese di maggio 2005 ed inizialmente era disponibile nella sola versione 250ie, equipaggiata con il motore monocilindrico Quasar a 4 Tempi e 4 Valvole, omologato Euro 3 e capace di erogare la potenza massima di 22 CV, sufficienti per spingere la Vespa GTS fino alla velocità massima di 122 km/h.

Esteticamente, la GTS differiva dalla precedente Vespa Granturismo per la nuova fanaleria posteriore, la sella sportiva ampia, il portapacchi posteriore retrò, la modanatura cromata del parafango, la luce di posizione nella mascherina associata alla griglia cromata dell’avvisatore acustico e la molla cromata della sospensione anteriore.

Tuttavia, l’elemento distintivo della Vespa GTS 250ie era la strumentazione ridisegnata, con il tachimetro analogico e la serie di spie luminose abbinati al display LCD che disponeva delle seguenti funzioni digitali: indicatore livello carburante, contagiri a barre, contachilometri totale e parziale, orologio con datario, indicatori temperatura esterna e del liquido del radiatore. La capacità del serbatoio, invece, ammontava a 9,2 litri.

La Vespa GTS 250ie fu proposta sul mercato al prezzo base di 4.345 euro, mentre la versione dotata di ABS con frenata combinata costava esattamente 500 euro in più. La gamma delle colorazioni, invece, era composta dalle tinte Rosso Dragon, Nero Vulcano e Grigio Excalibur. Nel 2006, la Vespa GTS ha vinto il titolo ‘Moto dell’Anno’ nella categoria scooter, ovvero l’ambito premio indetto dalla testata giornalistica tedesca “Motorrad” con il 33,5% dei consensi.

Al Salone di Milano del 2006 fu presentata la Vespa GTS 125 che debuttò sul mercato nei primi mesi del 2007 al prezzo base di 4.100 euro. Inoltre, fu allargata la gamma delle colorazioni con le tinte Blu Midnight, Rosso Vintage e Giallo Lime, in seguito affiancate dai colori Marrone Terra di Toscana e Bronzo Perseo. Nel 2008 ha conquistato nuovamente il premio ‘Motorrad des Jahres’, con la versione ABS che ha raccolto il 34,6% dei voti. Nonostante l’avvento della Vespa GTS Super, proseguì la carriera della Vespa GTS, anche se nel 2009 è uscita di scena la versione 250ie con ABS, mentre dal 2010 non è più disponibile la versione 125 sul mercato italiano.

All’edizione 2010 del Salone di Milano è stata presentata la versione speciale Vespa GTS Touring, equipaggiata con il motore 300ie da 22 CV della GTS Super. Oltre che per la scritta Touring posta sul controscudo all’altezza del vano portaoggetti e alla colorazione Marrone Terra di Toscana, la GTS 300ie Touring è riconoscibile per la dotazione di serie votata al turismo che comprende i portapacchi cromati anteriore e posteriore, il cupolino, la sella con termosaldature e le plastiche in tinta con la carrozzeria. Questo modello ha debuttato sul mercato nel 2011 al prezzo di 5.070 euro. E’ stato confermato anche per il 2012 con la nuova tonalità della tinta Marrone Terra di Toscana e la sella marrone scuro dotata di termosaldature a doppia cucitura.

L’ultima novità per la Vespa GTS è l’adozione del motore 300ie da 22 CV. Questa versione è stata presentata al Salone di Milano del 2011 e ha debuttato sul mercato nel 2012. Rispetto alla versione 250ie, la GTS 300ie presenta la strumentazione totalmente analogica, con numeri di colore bianco e fondo di colore nero. Al Salone di Milano del 2012, invece, è stata presentata l’inedita colorazione Grigio Apuano della Vespa GTS Touring, sempre dotata di sella di colore marrone con termosaldature.

Nel 2014, invece, la Vespa GTS è stata sottoposta al restyling di metà carriera, disponibile solo nella versione ABS e con la motorizzazione 300ie. A livello tecnico, le innovazioni sono: la sospensione anteriore ESS, il sistema di frenata ABS a due canali, il controllo di trazione ASR e il sistema multimediale Vespa Multimedia Platform. Inoltre, la dotazione di serie comprende anche la presa USB nel controscudo.

Dal punto di vista estetico, la GTS 300ie ABS è riconoscibile per gli indicatori di direzione anteriori a LED, il faro posteriore con cornice cromata, la nuova ‘cravatta’ frontale e la cover sul tunnel centrale della pedana con il logo Vespa. La specifica dotazione di serie comprende il portapacchi posteriore cromato, la strumentazione di forma trapezoidale con tachimetro analogico su fondo bianco e display digitale con retroilluminazione blu.

La rinnovata Vespa GTS è disponibile nelle colorazioni Nero Vulcano, Blu Midnight e Grigio Dolomiti, tutte abbinate alla sella di colore beige. La gamma comprende anche la versione speciale Touring, con la dotazione di serie completa del portapacchi anteriore e disponibile solo nella specifica colorazione Marrone Crete Senesi con la sella nella stessa tinta della carrozzeria. Tuttavia, al Salone di Milano del 2014, è stata presentata l’aggiornata Vespa GTS Touring nella colorazione Grigio Seta, abbinata alla sella marrone e con il parabrezza di serie.

All’edizione 2015 del Salone di Milano è stata presentata la versione speciale Settantesimo, riconoscibile principalmente per le specifche colorazioni Azzurro 70° e Grigio 70°, in abbinamento alla grafica dedicata sulle fiancate laterali e alla targhetta identificativa sul portello del bauletto anteriore. Tra le specifiche caratteristiche della Vespa GTS Settantesimo figurano anche la sella di colore testa di moro, con cadenino in contrasto di colore beige e il logo Vespa Settantesimo termosaldato all’altezza della seduta del passeggero, nonché i cerchi nello specifico colore extra serie. La dotazione di serie, invece, comprende la borsa bauletto in tinta con la sella e il portapacchi posteriore con ribaltina.

Al Salone di Colonia del 2016, la gamma della Vespa GTS è stata allargata alla rinnovata versione 125 da 12 CV e all’inedita declinazione 150 da 15 CV. Entrambe sono equipaggiate con le motorizzazioni i-Get ad iniezione elettronica, omologate alla normativa Euro 4, nonché dotate di raffreddamento a liquido e distribuzione a 4 Valvole. Inoltre, tra le caratteristiche figurano il sistema RISS (acronimo d Regulator Inverter Start&Stop System) con la funzione start/stop e il dispositivo Brushless Direct Mount – inserito sul’albero motore – al posto del tradizionale motorino d’avviamento. Oltre al sistema ABS, la dotazione di serie della Vespa GTS comprende anche il telecomando per l’apertura a distanza della sella e il dispositivo Bike Finder che, attraverso l’accensione dei quattro indicatori di direzione, consente l’individuazione del mezzo nei parcheggi affollati.

Per il Salone di Milano del 2016, la gamma cromatica della Vespa GTS è stata ampliata ai colori Beige Eleganza e Azzurro Incanto che affiancano i già esistenti Grigio Dolomiti e Nero Vulcano, nonché della GTS Touring (disponibile anche nella versione 125) con le tinte Rosso Vignola e Creta Senesi.

Infine, al Salone di Milano del 2017 è stata presentata la versione speciale Yacht Club (con i motori 125 e 300), riconoscibile per la carrozzeria di colore bianco con dettagli di colore blu opaco come le grafiche dedicate, i cerchi in lega con finitura diamantata, la ‘cravatta’ con fregio cromato e gli inserti in gomma della pedana. Inoltre, la Vespa GTS Yacht Club ha la sella con la seduta bicolore e lo specifico logo sul retroscudo.

Lascia un commento