Lancia Thema 8.32

Lancia Thema 8.32

Correva l’anno 1986, quando debuttò la Lancia Thema 8.32, conosciuta da tutti come “Thema Ferrari”.

La Lancia Thema 8.32, infatti, era equipaggiata con il motore a benzina 3.0 V8 da 215 CV di potenza, derivato dallo stesso propulsore delle Ferrari 308 e Mondial, ma più votato al comfort di una berlina di classe. Nata per competere con la diretta concorrenza tedesca, la Thema 8.32 rimase fedele allo schema tecnico della berlina da cui derivava, in quanto era previsto l’abbinamento alla trazione anteriore e al cambio meccanico a cinque marce. La velocità di massima di 240 km/h, invece, era tenuta a bada attraverso l’impianto frenante dotato del sistema ABS, incluso nell’equipaggiamento di serie.

Esteticamente, la Lancia Thema 8.32 era riconoscibile per i cerchi in lega da 15 pollici a cinque razze (con il design a stella, come le supercar di Maranello dell’epoca), la calandra specifica, gli specchietti retrovisori posteriori in tinta con la carrozzeria e l’alettone posteriore retrattile. Inoltre, era specifica anche la gamma cromatica per il corpo vettura e tutte le tinte erano abbinate ad un sottile ed impercettibile ‘filetto’ giallo all’altezza della linea di cintura delle fiancate.

L’abitacolo, invece, era caratterizzato dal cruscotto in radica e dagli interni in pelle Poltrona Frau cuciti a mano. Era prevista anche la strumentazione supplementare, composta da manometro, termometro dell’olio e amperometro. La vettura era personalizzabile con vari optional e accessori, tra cui spiccava l’innovativo sistema di sospensioni a controllo elettronico che prevedeva le modalità di guida Comfort, Sport ed Auto, quest’ultima con regolazione totalmente automatica.

Nel 1988 debuttò la seconda serie della Thema 8.32, con fari e calandra completamente ridisegnati. Lo stile era lo stesso della Lancia Thema restyling, mentre la meccanica rimase invariata. La relativa gamma comprendeva anche la versione Europa, catalizzata e depotenziata a 205 CV.

La Lancia Thema 8.32 rimase in commercio fino al 1992, quando fu introdotta la terza serie della Thema standard. Doveva essere sostituita dall’inedita e mai nata Thema Integrale, ma il gruppo Fiat puntò sulla ‘gemella’ Alfa Romeo Alfa 164 Q4. Gli interni della versione 8.32, tuttavia, furono ripresi per l’allestimento LX che si poneva al top di gamma della terza serie della Lancia Thema.

Il primo prezzo di listino della Thema 8.32 ammontava a circa 60 milioni di lire, più o meno 72.000 euro di oggi, stando alle rivalutazioni Istat. La quotazione media attuale, invece, è pari a 12.000 euro, ma gli esemplari in vendita sui maggiori portali di auto sono proposti nella forbice tra 10.000 euro e 22.000 euro, escludendo ovviamente i modelli che necessitano di un restauro quasi totale e quelli proposti a prezzi fuori mercato.